Til Forsiden
Comment at

Balder Blog

Dansk
Italiano
Translations

R.N. COUDENHOVE KALERGI

IDEALISMO PRATICO
 
NOBILTA’ - TECNICA- PACIFISMO

PANEUROPA-VERLAG VIENNA-LIPSIA

Short link to this article: http://balder.org/couit

NEW! Video by Matthew North uploaded September 2017

Set in Limited State by YouTube Censors ADL

Download here (right click and choose save as, or save target as):

The Kalergi Plan - Full Documentary Creation Of The EU International Communism

YouTube URL: https://www.youtube.com/watch?v=QBXdkbZE

Matthew North's YouTube Channel

(Original page continued)

 

Images captions and inserted textboxes are not part of the original document


                                                                                                         Indice
Prefazione ……………………………………………………………………………………..4
Uomini rustici e uomini urbani…………………………………………………………………8
  1. Contadino- cittadino ……………………………………………………………………….9
  2. Latifondista-letterato……………………………………………………………………….12
  3. Gentiluomo- Bohémien……………………………………………………………………16
  4. Consanguineo- meticcio …………………………………………………………………..20
  5. Mentalità pagana e cristiana……………………………………………………………….24
Crisi della nobiltà………………………………………………………………………………29
  6.Dominio della mente invece del dominio con la forza…………………………31
  7. Tramonto della nobiltà……………………………………………………………………..34
  8. Plutocrazia………………………………………………………………………………….39
  9. Nobiltà di sangue e nobiltà futura………………………………………………………….44
 10. Ebraismo e nobiltà futura………………………………………………………………….49
 Prospettiva……………………………………………………………………………………..55
Elogio della tecnica 1922………………………………………………………………………59
 I. Il paradiso perduto…………………………………………………………………………..61
  1.La maledizione della cultura………………………………………………………………..61
  2. Sviluppo e libertà…………………………………………………………………………..62
  3. Sovrappopolazione e migrazione al nord………………………………………………….64
  4. Società e clima…………………………………………………………………………….64
  5. Tentativo di liberazione dell’umanità………………………………………………………66
II. Etica e tecnica……………………………………………………………………………… 68
   1. La questione sociale………………………………………………………………………..68
   2. Inadeguatezza della poliica…………………………………………………………………69
   3. Stato e lavoro………………………………………………………………………………..70
   4. Anarchia e ozio……………………………………………………………………………..70
   5. Superamento dello stato e del lavoro……………………………………………2
   6. Etica e tecnica……………………………………………………………………………….73
 III. Asia e Europa………………………………………………………………………………..75
   1. Asia e Europa………………………………………………………………………………..75
   2. Cultura e Clima………………………………………………………………………………77
   3. Le tre religioni……………………………………………………………………………… 79
   4. Armonia e forza………………………………………………………………………………80
IV. La missione tecnica globale dell’Europa…………………………………………83
  1. Lo spirito europeo……………………………………………………………………………...83
  2. L’Ellade come precursore dell’Europa ………………………………………………………84
  3. Le basi tecniche dell’Europa…………………………………………………………………..85
  4. Il cambiamento tecnico mondiale………………………………………………………………87
  5. L’Europa come cultura tangente……………………………………………………………….88
  6. Leonardo e Bacone…………………………………………………………………………….90
V. Caccia – guerra - lavoro………………………………………………………………………...91
  1.Potere e libertà…………………………………………………………………………………. 91
  2.Caccia…………………………………………………………………………………………...92
  3. Guerra…………………………………………………………………………………………..92
  4. Lavoro…………………………………………………………………………………………..93
 5. La guerra come anacronismo………………………………………………………94
 6. Tecnica…………………………………………………………………………………………..95
VI. La campagna militare tecnica…………………………………………………………………. 97
 1. Miseria di massa in Europa………………………………………………………………………97
 2. Politica coloniale………………………………………………………………………………….98
 3. Politiche sociali……………………………………………………………………………………99
 4.La rivoluzione mondiale della tecnica……………………………………………………………101
 5. L’esercito della tecnica…………………………………………………………………………....102
 6. La vittoria dell’elettrico……………………………………………………………………………102
7. L’inventore come salvatore………………………………………………………………………...104
VII. Obiettivo finale della tecnica…………………………………………………………………….106
 1. Cultura e schiavitù………………………………………………………………………………….106
 2. La macchina ……………………………………………………………………………………….107
 3. Smantellamento della grande città……………………………………………………109
 4. Il paradiso culturale del milionario…………………………………………………………………111
VIII. Lo spirito del tempo tecnico…………………………………………………………………… 114
 1. Il pacifismo eroico…………………………………………………………………………………..114
 2. Lo spirito d’inerzia…………………………………………………………………………………..115
 3. Bellezza e tecnica……………………………………………………………………………………116
 4. Emancipazione……………………………………………………………………………………….118
 5. Il cristianesimo e la cavalleria………………………………………………………………………..120
 6. Il rischio buddista……………………………………………………………………………………..121
IX. Stinnes e Krassin …………………………………………………………………………………….124
 1. Unione Economica ……………………………………………………………………………………124
 2. Il fiasco russo…………………………………………………………………………………………..125
 3. La produzione capitalistica e comunista…………………………………………………127
 4. Mercenari e soldati del lavoro ………………………………………………………………………...130
 5. Capitalismo sociale - comunismo liberale……………………………………………………………..132
 6. Cartello industriale e sindacati………………………………………………………………………….134
X. Da stato del lavoro a stato di cultura……………………………………………………………………136
 1.Culto dei bambini ……………………………………………………………………………………….136
 2.Dovere del lavoro………………………………………………………………………………………..138
 3. Produttori e consumatori di stato………………………………………………………………………..141
 4. Rivoluzione e tecnica……………………………………………………………………………………143
 5. Rischi della tecnica………………………………………………………………………………………146
 6. Il Romanticismo del futuro………………………………………………………………………………148
Pacifismo 1924………………………………………………………………………………………………153
 1. Dieci anni di guerra……………………………………………………………………………………….155
 2. Critica del Pacifismo……………………………………………………………………………………...158
 3. Pacifismo religioso e politico……………………………………………………………………………..161
 4. Riforma del Pacifismo…………………………………………………………………………………….164
 5. Pace mondiale e pace europea…………………………………………………………………………….167
 6. Politica reale del programma di pace……………………………………………………………………...171
 7. Promozione dell’idea della pace…………………………………………………………………………...177
 8. Propaganda di pace…………………………………………………………………………………………181
 9. Nuovo eroismo……………………………………………………………………………………………..187

 

PREFAZIONE

L’idealismo pratico è eroismo; il materialismo pratico è eudemonismo. Chi non crede a un ideale, non ha nessuna base per agire per un ideale, o per combattere o per soffrire per un ideale.
Quindi conosce e riconosce solo una singola parola: desiderio, solo un unico male: il dolore.
L’eroismo presuppone il credere e il professare un’ideale: la convinzione che vi siano valori più alti del desiderio e mali maggiori del dolore.
Questa contrapposizione ha luogo nell’intera storia dell’umanità, è la contrapposizione tra epicurei e stoici. Questa contrapposizione è molto più forte di quella tra teisti e ateisti: quindi ci sono gli epicurei che credevano ai Dio, come Epicureo stesso, e gli idealisti, gli ateisti che erano come Budda. 
Non si tratta qui di credere a Dio, ma di credere ai valori.
Il materialismo è incondizionato, ma privo di immaginazione e improduttivo; l’idealismo è sempre problematico e implica spesso assurdità e follia: tuttavia a lui esso l’umanità deve le sue grandi imprese e opere.
*
L’eroismo è l’aristocrazia spirituale. L’eroismo è connesso con l’ideale aristocratico così come il materialismo lo è con il pensiero democratico.    

Anche la democrazia crede più alle cifre che ai valori, più alla fortuna che alla grandezza. Perciò la democrazia politica può essere solo feconda e produttiva se la pseudo-aristocrazia dei nomi e dell’oro si frantuma, e viene generata una nuova ed eterna aristocrazia della mente e delle idee.
L’intenzione ultima della democrazia politica è un’aristocrazia mentale; vuole dare beneficio ai materialisti e forza agli idealisti.
Il comandante deve guidare al posto del monarca, i nobili pensieri al posto della nobile fama, il cuore ricco al posto della borsa ricca. Questa è l’idea di sviluppo, che si denomina democratico.
Ogni altra idea sarebbe un suicidio della cultura.
Perciò non è un caso che Platone fosse contemporaneamente il profeta dell’aristocrazia spirituale e dell’economia socialista, e allo stesso tempo il padre della concezione idealistica del mondo.
Perciò sia l’aristocrazia che il socialismo sono idealismo pratico.     
L’idealismo ascetico del sud si manifesta come religione; l’idealismo eroico del nord si manifesta come tecnica.
Quindi la natura del nord era una sfida per gli uomini. Altri popoli ne vengono sottoposti. L’europeo accetta la sfida e combatte. Combatte fino a divenire abbastanza forte, da sottomettere la terra. Combatte fino a che la natura stessa, che l’aveva sfidato, si sottomette al suo volere.
Questa lotta stimola l’eroismo e genera eroismo. Così ciò che per l’Europa era eroe, per l’Asia era santo, e il culto dell’eroe integrò il culto dei santi.  

L’attuale discrepanza dell’organizzazione tecnica e sociale viene o portata verso una catastrofe distruttiva o verso un progresso politico, che si distanzia dalla dinamicità e scrupolosità di tutti gli esempi storici e avvia un nuovo capitolo nella storia dell’umanità. Perciò la pratica della forza dirompente e dell’eroismo umano presenta nuovi percorsi e la guerra inizia ad avere il suo ruolo storico nella consapevolezza dell’umanità. Il suo erede è il lavoro. L’umanità si organizzerà un giorno per strappare alla terra tutto ciò che attualmente ancora le nasconde. Non appena questo scopo sarà finalmente ottenuto, ogni guerra sarà una guerra civile e ogni omicidio un omicidio di massa. Il periodo di guerra apparirà quindi altrettanto barbaro, come lo è l’attuale periodo di avidità umana.
Questo sviluppo avrà luogo se crediamo a esso e per esso combattiamo, se non siamo così miopi , da non riuscire a percepire gli orientamenti dello sviluppo, né così lungimiranti da prevedere le modalità e gli ostacoli pratici, che si trovano tra noi e i nostri obiettivi. Se noi siamo perspicaci e vediamo chiaramente superiamo le lotte imminenti e le difficoltà collegate con il valore eroico.
Solo quest’ottimismo del volere controbilancerà e sconfiggerà il pessimismo della conoscenza. 
Invece di perseverare nei vincoli dell’antiquato presente e sognare su migliori possibilità senza far niente, vogliamo invece avere un ruolo attivo nello sviluppo del mondo attraverso l’idealismo pratico.
(Vienna, novembre 1925).  

NOBILTA’ – 1920

In memoria di mio padre
Dr. HEINRICH GRAF COUDENHOVE-KALERGI
In devozione e riconoscenza

 

L’ideale attivo prende il posto di quello contemplativo e occorreva che fosse più forte, perché si potesse  combattere per un ideale piuttosto che soffrire per un ideale.
L’Europa è stata coinvolta dallo spirito di questa missione mondiale già dall’età moderna, poiché già con l’età moderna inizia la sua era tecnica, la sua guerra di liberazione contro “l’inverno”.
Questa era tecnica è nello stesso tempo l’era del lavoro. Il lavoratore è l’eroe del nostro tempo; il suo opposto non è il cittadino borghese, ma il ladro, il parassita. Il bersaglio e massima aspirazione del lavoratore è sfinire il parassita.
Perciò la tecnica è eroismo moderno e il lavoratore un idealista pratico.
*
Il problema politico e sociale del 20 secolo è raggiungere il progresso tecnico del 19 secolo. Questa sfida temporale viene resa più difficile, dal fatto che lo sviluppo della tecnica si compie senza pausa rapidamente come lo sviluppo negli uomini e nell’umanità.
Questo pericolo può essere o evitato, con il rallentamento del progresso tecnico dell’umanità o accelerando il progresso sociale. Altrimenti gli uomini e l’umanità perderebbero il proprio equilibrio e vi sarebbe un ribaltamento. La guerra mondiale era un avvertimento.
Perciò la tecnica umana si trovava di fronte a un’alternativa: suicidio o comprensione!
In tal modo lo sviluppo mondiale sarà nei decenni a venire senza maestri.

 

Attenzione:

ho ricevuto quella che dovrebbe essere una traduzione completa di Practischer Idealismus in italiano da un patriota italiano.

È un documento di parole, ed è formattato in un modo che non mi rende facile produrre una versione html, e non ho il tempo di farlo.

Quindi collegherò semplicemente al documento di Microsoft Word qui:

RN-Coudenhove-Kalergi-Idealismo-Pratico.docx (file originale ricevuto dal traduttore)

RN-Coudenhove-Kalergi-Idealismo-Pratico.doc (stesso file convertito in vecchio formato Word. doc)

 


 

Practical Idealism - Coudenhove Kalergi English Translation complete book (download pdf)

April 18 2008 - European Union honors racist philosopher Coudenhove-Kalergi, architect of the EU dictatorship

Walter Lippmann, Friedrich von Hayek, Otto von Habsburg, Coudenhover-Kalergi, Hjalmar Schacht, Rothschild, Ludwig Von Mises, Arthur Burns, Milton Friedman, Mont Pelerin Society, Murray Rothbard. Detailed background: The Synarchy - A 'Judeo-Christian' Theocracy - Front for the International Jewish Banking Cartel

Balder.org 30 november 2013 - November 12, 2012 - The award of the Coudenhove-Kalergi Prize to EU President Van Rompuy

Wiki-Company - Masonic Politicians

Freemasons, Jabulon, Königlicher Bogen vom Unsinn 6 januar 2012 - Graf Richard Nikolaus Coudenhove-Kalergi

R.N. Coudenhove-Kalergi Wikipedia Deutsch

Gerd Honsik - Rassismus legal? – Halt dem Kalergiplan

Verschwörungen - Richard Nikolaus Graf von Coudenhove-Kalergi


Balder.org - Official Danish holocaust researcher refutes claim of 6 million Jews killed during The Holocaust

Balder.org - Articles about Holocaust, Zionism, Judaism, Jewish Censorship, Israel Lobby, persecution, Revisionism, Holocaust denial

Balder.org - Articles about Eurabia, Euromediterranean, Barcelona Declaration, Unlimited Immigration to Europe. English Deutsch Dansk

Til Forsiden

Comment at: Balder Blog

Short link to this article:http://balder.org/couit

 

Dansk
 
Translations

 

Clicky Web Analytics